lunedì 8 dicembre 2008

bolo de caco (pane di coccio)



Dedico questo pane a Fabrizio Porretto e alla piccola Azzurra che sta per arrivare ^_^
La foto non rende giustizia alla bonta' di questo pane!
La ricetta e' stata gentilmente fornita da Donna sul forum panperfocaccia.eu : veramente una scoperta favolosa!
Riporto per intero l'intervento di Donna a questo proposito:
"Il Bolo de caco (letteralmente si traduce pane di coccio) è uno di quei ricordi di Madeira che porto dietro da almeno 2 anni. Un pane croccante fuori e morbidissimo dentro che si impasta con la patata dolce e che ci è stata servita tagliata in due e farcita caldissima di burro aromatizzato all’aglio. Mi ero ripromessa di farlo non appena avessi trovato in vendita la patata dolce ma le traduzioni che avevo a disposizione erano discordanti: molte ricette scritte in portoghese traducevano la cottura della patata come “arrostita”, mentre in altre trovavo la cottura classica bollita. A questo punto ho dovuto provare entrambe le tecniche per veder quale si avvicinasse il più possibile a quello che avevo mangiato a Madeira.
Inoltre c’è da considerare la cottura: a Madeira non è raro trovare lungo le strade questi esperti panificatori/contadini cuocere i loro ”bolo de caco” sui ripiani scaldati direttamente dal fuoco
"
Ingredienti per 8 pani da circa 200 g l'uno:
prima parte
mezzo panetto di lievito
300 g di acqua
500 g di semola di grano duro(ma l'originale prevedeva farina 00)
1 cucchiaio di sale
seconda parte
800 g di batata
il panetto lievitato di prima
altri 500 g di semola di grano duro o farina
12 g di lievito di birra sciolto in un po' di acqua
Sciogliere il lievito nei 300 g di acqua e impastarli con 500 g di farina e far lievitare per due ore circa.
Nel frattempo, bollite le batate con sale, sbucciatele e fatele raffreddare.
Aggiungete le batate con il primo impasto assieme all'altra semola e al lievito sciolto in poca acqua. Fate lievitare ancora un'ora (consiglio di impastare in due tempi, se decidete di rispettare queste dosi, perche' e' davvero una grande quantita')
Trascorso il tempo necessario, dividete l'impasto in tanti panetti grossi quanto una rosetta piu' o meno (o se preferite piu' grandi: io ho scelto questa opzione perche' mi sembrava piu' semplice da cuocere).
Schiacciarli come per fare delle pizzette e farle lievitare per una ventina di minuti.
Nel mentre, accendete il forno e portate a 260° o con la pietra refrattaria oppure utilizzate una teglia per pizza, ma lasciatela dentro gia' da subito.
Appena sara' a temperatura, adagiate sulla pietra o sulla teglia una o due schiacciate (quante ne entrano) e fate dorare per bene da entrambi i lati.
Questo pane e' buonissimo! Il fatto che io abbia scelto di usare la semola di grano duro ha permesso a questo pane tipico portoghese di assomigliare a una moffoletta siciliana :D