venerdì 5 dicembre 2008

Gnocchi di lenticchie al sugo di gallinella e guanciale croccante di Nicola Cavallaro


Non posso competere con il grande Nicola Cavallaro, che tanto e tanto ammiro.
Pero' questa ricetta mi e' sembrata alla mia portata e l'ho fatta cosi' come l'avrei fatta io (se solo l'avessi immaginata io....).
Cioe' il procedimento rimane invariato rispetto alla ricetta dello chef.
Ma il risultato, come ben si puo' vedere, non e' lo stesso. Perche' io ho altro gusto, perche' io ho altre mani, perche' io non ho la sua preparazione (mettiamolo pure in conto).
Ciononostante a me e' piaciuto moltissimo e aver scelto di lasciare sodi i pezzetti di pomodorino (ho usato pachino invece che datterino, come consigliato da Nicola), si allineava di piu' al mio gusto.
giorni addietro ho scoperto questa ricetta proposta da Nicola Cavallaro: http://nicolacavallaro.blogspot.com/200 ... ag-di.html

me ne sono innamorata!

riporto la ricetta:

Ingredienti per 4 persone

300 gr lenticchie
100 gr patata
1 rosso d'uovo
1 costa di sedano
1/2 carota
1/2 scalogno
1 spicchio d'aglio
12 pomodori datterini confit
100 ml di brodo di gallinella di mare
200 gr di polpa di gallinella tagliata a tocchetti
1/2 peperoncino
maggiorna
40 gr guanciale tagliato a dadini

Far cuocere le lenticchie e la patata in abbondante acqua, scolare bene le leticchie, sbucciare la patata, frullare con il robot le lenticchie e aggiungere la patata schiacciata. Amalgamare. Riporre il tutto in una placca con carta da forno e lasciar asciugare al forno per 2 ore a 75 gradi. Togliere il composto salare e pepare, aggiungere l'uovo e 100 gr farina. Lavorare con le man stendendo il composto, e tagliare dunque gli gnocchi.

Tagliare le verdure a brunoise la gallinella a tocchetti, e farla andare in poco olio extavergine dopo averla leggermente passata in poca farina. Aggiungere le verdure, l'aglio in camicia e il peperoncino e sfumare con il brodo. Lasciarlo evaporae lentamente. Aggiungere dunque i pomodori confit e restringere ulteriormente. A questo punto cuocere in abbondante acqua salata gli gnocchi. In un padellino a parte rosolare il guanciale. Quando gli gnocchi vengono a galla sono pronti scolarli e amalgamarli al ragu di gallinella,non prima di aver tolto l'aglio. aggiungendo alla fine il guanciale croccante e poca maggiorana
Note per le lenticchie e' bastata un'oretta ed erano gia' perfette. Non ho passato nulla, ma tutto schiacciato con la forchetta (lenticchie comprese). E' stato sufficiente aggiungere un pugno di farina e quel poco di semola per la spianatoia. Gli gnocchi si mantengono ben sodi anche dopo essere venuti a galla e passati in padella.
Nient'altro mi pare.
Comunque per qualsiasi dubbio sono qui!