lunedì 8 dicembre 2008

petto d'anatra muta glassato al miele con pere al nero d'avola



L'idea originale della ricetta e' presa da Ettore o Zerovisibility o Yoda, come preferite :D
L'ha inserita in piu' posti, tra cui il solito forum che frequento, cioe' panperfocaccia.eu, ma pure su Il mangione e poi su flickr, nella sua raccolta personale di ricette (che sono tutte fantastiche).
Ho apportato delle modifiche, innanzitutto perche' lui ha cotto il petto senza la pelle (da quello che vedo), mentre io la pelle l'avevo. Inoltre, volevo ottenere una carne piu' rosacea rispetto alla sua che, dalle foto, risultava si' rosa, ma cotta.
Mi ritengo soddisfatta del risultato: non avevo mai mangiato l'anatra, ma sono felice di aver scelto questo piatto oggi.
1 petto d’anatra muta
1 cucchiaio di miele millefiori di bosco (cileno, commercio ecosolidale)
2 cucchiai di olio EVO (ho usato 1 cucchiaio di olio + 1 di strutto)
1 bacca di anice stellato
sale/pepe
brodo vegetale (non ne avevo di carne e quello sarebbe stato meglio)
1 grossa pera
1 noce di burro
1 cucchiaio di zucchero di canna (ne ho usato un tipo molto fine, integrale, sempre del commercio equosolidale)
1 bicchiere di nero d'avola (Altavilla di Firriato)
ricopio la ricetta cosi' come riportata da ettore, ma cambiando i passaggi differenti:
Saltare la pera tagliata a cubetti in una padella con il burro e lo zucchero.
Dopo pochi minuti, sfumare con il vino rosso e unire una bacca di anice, portando a cottura in pochi minuti, fino a quando il fondo assume una consistenza sciropposa .

Preparare il pollo come da indicazioni dello dallo chef simon, dopodiche' massaggiare la carne con un velo di strutto.
In un’altra padella rosolare il petto intero con l’olio, Quando la carne ha assunto un bel colore dorato, unire qualche cucchiaio di brodo, il miele e passare al forno per una decina di minuti.
Togliere la carne e farla riposare avvolta in pellicola di alluminio. Unire al fondo di cottura le pere e restringere il sughetto.
Affettare il petto, e impiattare unendo le pere e la salsa.