giovedì 4 dicembre 2008

Timballo di melanzane



Questa volta i timballi sono due: due versioni per uno stesso pasta.

Esteriormente potrebbero sembrare identici, ma in realta’ sono profondamente differenti nel gusto.

Non riesco a darvi le proporzioni corrette degli ingredienti perche’ sono andata molto ad occhio (me ne scuso in anticipo), pero’ va provato, va decisamente provato.

Il timballo nel plumcake e’ composto da melanzane fritte che lo rivestono, ziti non spezzati, salsa di pomodoro nella versione di Filippo La Mantia, primosale fresco acquistato alla latteria “alla faccia del caciocavallo” di Terrasini (la cito perche’, se vi trovate a passare da queste parti, vale la pena farci un salto e acquistare alcuni loro prodotti; in particolare la mozzarella e il caciocavallo che sono imbattibili) e il caciocavallo.

Il timballo tondo invece e’ piu’ tradizionale: salsa di pomodoro in versione “nonna marcella” (1 cipolla, 1 presa di sale, 1 cucchiaio di zucchero, pizzico di peperoncino, basilico secondo gusto per ogni kg di pomodoro), melanzane fritte, ricotta al forno fresca e parmigiano, ziti attorcigliati a formare un labirinto di pasta.

Ecco dunque il procedimento per la salsa di Filippo.

Lavate i pomodori e fateli cuocere in acqua bollente fin quando la buccia non si sara’ spaccata; a quel punto, estraeteli dall’acqua e sbucciateli. Trasferite la polpa in una casseruola, aggiungete qualche foglia di basilico, sale e pepe, e fate cuocere per 25 minuti a fuoco basso finche’ la salsa non sara’ diventata omogenea. Nel frattempo, mettete in un tegame un cucchiaio di olio, il suco di un arancia e alcune foglie di basilico e tenete da parte.

Rivestite le pareti di una forma per plumcake da 26 cm con le melanzane fritte e precedentemente scolate molto bene. Mettete la pasta per lungo e cospargetela del succo fatto cuocere in tegame e poi la salsa di pomodoro, foglie di basilico, strato di primosale, caciocavallo e di nuovo pasta e cosi’ via fino a riempire tutto il contenitore. Richiudete con le fette di melanzana.

Seconda versione mia

La salsa di pomodoro, come detto su, la faccio dolce.

Rivestite una tortiera da 20 cm di diametro con le fette di melanzana fritte e scolate bene. Mettete la pasta in cerchio a coprire tutta la circonferenza. Versate la salsa, poi la ricotta, poi un po’ di parmigiano e, se riuscite, fate un altro strato identico. Richiudete il tutto con le fette di melanzane.

Entrambi i timballi vanno passati in forno per una ventina di minuti a 180°, ma alla fine dovrete servirli freddi/ temperatura ambiente, per non rischiare che si spacchino al momento del taglio della fetta e perche’ cosi’ potrete assaporarne meglio i sapori.