mercoledì 11 novembre 2009

Sushi di triglia e finocchietto



Dopo un altro mesetto di assenza, torno con questa novita': la ricetta del venerdi'.
Voi direte: ma oggi e' mercoledi'! Si' e' vero, ed e' pure San Martino, festa cara ai siciliani (e infatti mi premurero' di preparare qualche dolcetto tipico).
Nel frattempo, pero', vi rimando a questa rubrica che, da venerdi' scorso, tengo su http://www.ilmangione.it sperando che vi piacciano sempre le mie ricette e che, magari, qualcuna la riproporrete in casa.
Il sushi di triglia era nato per una gara di cucina: non ho vinto niente, ma il piatto era buonissimo ;)

Il Giappone incontra il nostro sud in un piatto molto mediterraneo
Cinzia “Cisejazz” Ciprì

Inizia questa settimana una nuova rubrica. Ricette accattivanti, originali e tutto sommato facili da realizzare anche da parte di un pubblico non esperto che vuole avvicinarsi alla cucina creativa. Testi e foto sono a cura di Cinzia “Cisejazz” Ciprì, appassionata di gastronomia e e co-autrice della collana Chef Academy, in edicola in questi giorni.


Ormai da anni, la cultura giapponese affascina il mondo occidentale.
Realizzare le famose polpettine di riso, avvolte o meno con l’alga nori, riempita o ricoperta di pesce crudo, cotto o marinato, può sembrare difficile. Ma una volta compreso il procedimento da seguire, potrebbe essere una buona proposta per una serata con amici, per preparare tutto in anticipo, e potersi godere esclusivamente la festa senza doversi alzare di continuo per portare a tavola le varie preparazioni.

Il sushi. In Giappone si intende, con questa parola, un insieme di preparazioni a base di riso lesso, aromatizzato con aceto di riso e zucchero.
I più comuni tipi di sushi sono i makizushi (dal nome del tappetino, il makisu, che serve per arrotolarli); i futomaki che sono cilindri più grandi; gli hosomaki, più sottili dei futomaki; i temaki a forma di cono; gli uramaki. In realtà ve ne sono anche altri tipi, ma è più raro trovarli tra le proposte dei ristoranti giapponesi.
Gli ingredienti per il sushi si possono trovare facilmente nei grandi supermercati, nel banco dedicato ai prodotti esotici oppure nei supermercati giapponesi (a volte anche in quelli cinesi).

Oggi proporrò una ricetta di sushi con pesce cotto, dal sapore molto mediterraneo: un’interpretazione della pasta con le sarde, rivisitata con la triglia e inserita all’interno di un makisushi.


Il mio sushi di triglie e finocchietto

Ingredienti per 4 persone
8 filetti di triglia
2 fogli di alga per sushi
circa 150 g di riso per sushi
un mazzo di finocchietto selvatico
2 spicchi di aglio
1 cucchiaio o due di concentrato di pomodoro
un pugno di uvetta (circa 15 g)
un pugno di pinoli (circa 15 g)
mezzo bicchiere di vino bianco secco
sale
peperoncino
limone
zucchero
aceto di riso
salsa di soia
olio evo leggero
un paio di cucchiai di farina bianca

1) In una bacinella, mettere a bagno il riso e risciacquarlo finché l’acqua non sarà
diventata trasparente.
2) Versare il riso con un quantitativo d’acqua 3 volte il suo peso e far cuocere per
circa 11 minuti.
3) Nel mentre, in un altro pentolino, versare qualche cucchiaio di aceto di riso,
lo zucchero e il sale e far sobbollire per qualche minuto.
4) Versare il liquido sul riso e amalgamare per bene.
5) Sfogliare il mazzo di finocchietto e tritarlo.
6) In una pentola colma di acqua, far bollire il finocchietto e scolarlo dopo circa 10 minuti.
7) In una ampia padella, versare due o tre cucchiai di olio, mettere l’aglio schiacciato in
camicia ed eliminarlo una volta che l’olio si è insaporito
8) Tagliare a cubetti le triglie e metterle nell’olio profumato all’aglio, tenendone da parte un
paio di filetti.
9) Sfumare col vino bianco.
10) Aggiungere il concentrato di pomodoro (sarebbe più indicato usare u ‘strattu) e infine il finocchietto tritato con un po’ della sua acqua.
11) Mentre il sugo di triglia cuoce, stendere il tradizionale foglio di alga su un telo
o sull’apposito stelo di bambù.
12) Riempirlo con il riso schiacciato per bene e molto fitto
13) Mettere al centro il sugo di triglia raffreddato e arrotolare, aiutandosi con il telo di
bambu’. Lasciare riposare mezzora e poi tagliare i filoncini in rotolini piccoli.
14) Dividere in tre o quattro bocconcini le triglie tenute da parte e passarle nella farina.
Friggerle in poco olio da entrambi le parti (3 minuti dal lato con la pelle, 1 minuto
sull’altro lato)
15)Servire freddo su un ampio piatto da portata come aperitivo se preparato per molti invitati o piatto unico nel caso di una serata intima.

10 commenti:

  1. E' sempre un piacere leggerti, prendo nota perchè non mi sono mai cimentata nel sushi e mi ispira troppissimo. Ha un aspetto delizioso ^_^

    RispondiElimina
  2. grazie cara sweetcook. E' davvero semplice da preparare il makisushi e non richiede particolare manualita'.
    Resta in ascolto eh?
    venerdi' e' vicino ;)

    RispondiElimina
  3. Cinzia - aspettiamo volentieri le tue ricette se alla fine ci offri tali bellezze...

    Un abbraccio

    Stefano Buso

    RispondiElimina
  4. Ciao Cinzia,
    grazie per i saluti! in effetti visito panperfocaccia di recente, ho anche risposto quando ci sono argomenti interessanti, ma interagisco di meno nel thread giornaliero!
    e il prossimo psot sarà per il compleanno di Rossella, tra 6 giorni! avevo già letto la tua pagina sul sushi alle triglie, a Porto Cesareo mi hanno servito spaghetti al filetto di triglia, e il sapore è davvero ottimo!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Wow..complimenti! ma sei così brava..che c'era da aspettarselo!
    Sicuramente andremo a vedere allora!
    Noi non siamo molto amanti della cucina giapponese...però questi mini sushi son davvero carini!
    baci baci

    RispondiElimina
  6. il tuo puledrino!!!13 novembre 2009 01:20

    Sempre la numero uno!!!!

    RispondiElimina
  7. @il mio puledrino: ma che magnifico nick! non hai un blog per conoscerti meglio? grazie per essere passato da qui (anche se mi piacerebbe sapere chi sei...)

    @manu e silvia: ciao ragazze! benritrovate! la cucina e' amore innanzitutto e l'amore puo' arrivare anche attraverso un rotolino di riso ripieno di triglia. Spero che vogliate provare a farli, con dentro quello che piace a voi.
    L'alga potete eliminarla ;)

    @zavorka: che bello averti qui! e sono felice di averti ritrovato ^_^

    ma com'e' che ancora non si e' fatto vedere il mio chef marco? a marco! salta fuori!

    RispondiElimina
  8. chef dell'accademia a me il suschie non me piace...quando lo assaggio me rimane sul gozzo quindi scartato... non entro in merito...a volte mi dedico a carpaccini con germogli di pesce di paranza...ma in piccole dosi...è bene ricordare che il pesce crudo puo annidare batteri che per il sistema fecale è deleterio...quindi attenzione con il crudo.
    comunque cara chef dell'accademia che ci hai bevuto su? io l'ultima volta che ho preparato i miei adorabili carpaccini alla lama c'ho bevuto un ottimo Syrah...lo consiglio caldamente.
    stupenda donna ti lascio con un bacio sul lobo sinistro...beato tuo marito...ehh!!!!

    RispondiElimina
  9. ...a proposito il suo chef è suschu cotto quindi pace...apprezzo e non discuto
    ciao accademia...mi aspettavo che facevo parte dei raccomandati e mi inviavi un pacco con te dentro dell'opera scientifica firmata mi arrendo

    RispondiElimina
  10. invocato ed apparso il caro marco.
    Ti sei salvato in extremis: mi stavo preoccupando che avessi perso gli occhiali :P
    Amen!
    sarei lieta di spedirLe una copia autografata, peccato che me lo devo comprare pure io, visto che accampano scuse per farmi avere i libretti.
    Infatti me li sto comprando per puro vezzo personale (che figura di pezzenti che ci stanno facendo).
    Magari, a fine opera, saranno cosi' carini, da farmene avere una (dico UNA) copia, chissa'...
    Seguimi su ilmangione.it ;)

    RispondiElimina